Su velamica.com trovi:
Chi siamo | Vacanze in barca a vela | Imbarchi Individuali | Business | Charter | Cosa Portare in barca | Vita di Bordo | Condizioni Contrattuali | Photogallery | Vacanze in barca a vela Isole Ioniche | Vacanze in barca a vela Isole Pontine e Flegree | Vacanze in barca a vela Elba e Corsica | Vacanze in barca a vela Isole Egadi | Vacanze in barca a vela Isole Eolie | Vacanze in barca a vela Isole Cicladi | Vacanze in barca a vela Isole Baleari | Vacanze in barca a vela Turchia | Vacanze in barca a vela Vela Week-end | Vacanze in barca a vela Sardegna e Corsica | Caraibi in barca a vela | Ponte del 25 Aprile | Ponte del 1 Maggio | Costa Azzurra | Pasqua in barca a vela | Pozzuoli | One day cruising e week-end | Ponte del 2 Giugno |

 

Vita di Bordo

Vita di bordo
Ogni crociera in barca a vela è diversa dalle altre. Quando si è a bordo gli orizzonti cambiano, gli scali si alternano. Nuove emozioni sono sempre dietro l'angolo: un incentivo a salpare l'ancora e a scoprire la vita di mare.
Trascorrere una vacanza in barca vuol dire abbandonare la fretta, non avere mete fisse, non preoccuparsi delle scadenze. La bellezza non sta solo nel veleggiare seguendo il ritmo naturale degli elementi. Si va in vela anche per recarsi in una baia particolare, per immergersi in acque cristalline o per mangiare all'ombra del tendalino, per svegliarsi al grido dei gabbiani mentre le onde si infrangono sulla spiaggia. In questo caso il vero scopo della crociera è il viaggio, la navigazione, la condivisione della vita di bordo. La barca diventa così un piccolo mondo autosufficiente dove tutti contribuiscono alla buona riuscita della traversata.
Uno dei vantaggi della navigazione a vela è quello di assomigliare ad una pratica meditativa che aiuta a sgombrare la mente dai pensieri e a riscoprire il piacere delle cose essenziali. A bordo serve solo quello che è davvero utile.
In barca lo skipper è la figura di riferimento per tutto l’equipaggio, ed ha il compito di garantire la sicurezza a bordo e di gestire i rapporti umani.

Cucinare a Bordo
In genere quando si sale per la prima volta su una barca a vela non si riesce a immaginare che la cucina, nonostante le ridottissime dimensioni, consente di preparare quasi tutto quello a cui siamo abituati. Naturalmente non tutte le barche sono uguali, e di conseguenza non tutte le cucine, ma sulle barche moderne in genere troverete il fornello a due o tre fuochi, il forno, il lavello con acqua calda e fredda ed il frigorifero.
Un discorso più approfondito lo merita lo stivaggio che necessita di un piano di sistemazione dei viveri.
L’ideale è trovare dei posti adeguati vicino alla cucina facendo attenzione a sistemare sul fondo tutti gli oggetti pesanti per una corretta distribuzione dei pesi (bottiglie e scatolame). I gavoni possono essere umidi, specialmente quelli vicini alla sentina, quindi riponete in sacchetti di plastica tutto ciò che è conservato in imballaggi di carta o di cartone. Sistemate vicino ai fornelli spezie, sale zucchero e caffè e negli stipetti alti le confezioni più fragili e che si deteriorano più velocemente con l’umidità una volta aperti (biscotti, fette biscottate, crackers). Per il pane sarà sufficiente un sacchetto di stoffa appeso, possibilmente con un pane a pasta dura che si conserva per più giorni.
Altro nemico è il rollio per cui scegliete bottiglie di plastica e per il vino, se non vi piace quello in cartone, cercate di sistemare da qualche parte un porta bottiglie.
Per quanto riguarda gli alimenti freschi nel frigo si conservano bene per più giorni gli alimenti sottovuoto, il burro, formaggi, salami, salse e naturalmente le bevande. Queste vanno sistemate sul fondo, magari in un contenitore per bottiglie, tenendo in alto quelle consumate più di frequente (acqua e birra) in modo da ridurre i tempi di apertura. La carne si conserva in buono stato solo per un paio di giorni, mentre il pesce va consumato in giornata. Ricordatevi di pulirlo e lavarlo solo con acqua salata, l’acqua dolce lo fa rovinare più velocemente. Le verdure si conservano meglio in un gavone buio e asciutto tenendole dentro un sacchetto di carta. L’insalata conviene lavarla sul molo (si spreca meno acqua), asciugarla sbattendola in uno strofinaccio asciutto e ritirarla in frigo dentro dei sacchetti di plastica.

Copyright ©2006-2017 A.VELAMICA - C.so A. di Savoia, 224 - 80136 - NAPOLI - P.I. 05187801211

Imposta VELAMICA come pagina di avvioImposta come Home Page    |   Aggiungi velamica ai preferitiAggiungi ai Preferiti
vita_bordo_center.php